VEDI FOTO DELLA GIORNATA, IN FONDO PAGINA.

Si è svolta, a Figliano, la giornata dei volontari della Misericordia di Borgo San Lorenzo, Luco e Grezzano: oltre 120 persone che si sono ritrovate, con i loro familiari, a festeggiare la loro appartenenza a questa associazione; presente il Provveditore, il Correttore don Luciano e molti esponenti del Magistrato, nonché alcuni Conservatori.

 

Erano presenti i volontari delle varie attività della Misericordia: Confratelli di Borgo San Lorenzo e della Sezione di Luco/Grezzano; poi i Fratres, il Punto Famiglia, i volontari dei trasporti e del 118, quelli che accompagnano i nostri morti all’ultima dimora, i volontari del Microcredito, quelli che svolgono la loro attività all’interno del CdA della Fondazione “Estote Misericordes”.

La giornata era incentrata sulla Celebrazione della Santa Messa, officiata da don Luciano Marchetti nella veste di “correttore” della Confraternita; con la sua umanità, avvolgente e profonda, ha commentato la Parola di Dio letta oggi, Parola che sembrava scelta per questa occasione, con la riflessione sull’accoglienza che Gesù fa fare ai suoi apostoli. Esattamente come ciascun fratello della Misericordia ha bisogno di fare.

Dopo la Mensa Eucaristica si è passati all’agape fraterna, con una lunga tavolata apparecchiata sulla terrazza di Figliano. E li il bel tempo, i tortelli al sugo, il vino e i dolci l’hanno fatta da padrone. Ha concluso la giornata una semplice lotteria con i premi offerti dai negozianti di Borgo San Lorenzo.

Grazie! Ecco quello che viene da dire dopo una giornata così:

grazie a Dio perché offre a tutti noi occasioni e momenti per crescere e diventare migliori;

grazie a chi si è dato da fare in cucina e al villaggio perché tutto andasse bene;

grazie a don Luciano per il suo straordinario modo di essere vicino alla sua comunità;

grazie ai volontari presenti e ai loro familiari: i primi per quello che fanno ogni giorno, i secondi perché permettono loro di fare quello che fanno;

Grazie! Grazie! Grazie!

Iddio ve ne renda merito.